Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

L’intervista al Mister #6

Primi in classifica, dopo una partita dura e con un avversario che ha messo a dura prova la squadra.

La gara di sabato è stata molto combattuta. Giocata molto bene e contro un avversario forte. La squadra ha lottato e voluto fortemente la vittoria. Nella testa dei ragazzi c’è ancora di più la consapevolezza che stiamo facendo tutti insieme qualcosa di importante: vincere è sempre bello e aiuta, ma è lo spirito della Clivense che sta portando risultati. 

Questi tre punti cosa cambieranno (o dovranno cambiare) nella testa dei ragazzi? Un conto è inseguire, un conto è non farsi raggiungere. 

Tutti i ragazzi che scendono in campo danno l’anima, si aiutano e credono in questo progetto. Conta poco inseguire o essere inseguiti, fino a quando avremo questo tipo di mentalità vivremo ogni giorno che staremo insieme impegnandoci e volendo ottenere il massimo da ognuno di noi, dentro e fuori dal campo con società e tifosi.

Come sempre (e si è visto anche sabato) è stata una vittoria di gruppo. Tuttavia ci sono alcuni singoli che hanno dato prova di grande affidabilità: Pavoni, Vitale, Inzerauto, Anastasi e Castelucci su tutti. 

Sappiamo di avere ragazzi di valore ma poter contare sul compagno con il sostegno di tutti da ancora più forza.

Per la prima volta i ragazzi hanno giocato con un pubblico “contro”. Però, almeno da fuori, è sembrato che questo abbia dato, se si può, ancora più stimoli. Ti sembra che si stiano ambientando al di là della Terza categoria?

Vero, sabato c’era anche la tifoseria avversaria, ma con tutto il rispetto per gli altri a mio modo di vedere i nostri sostenitori sono tanta roba…

Quanto ti sta assomigliando questa squadra? 

Questa squadra è sempre più stile Clivense: profilo basso e massimo impegno. Il merito di questi successi è soprattutto loro.

Capitolo infortuni: Anastasi si dovrà fermare per un problema piuttosto serio. Romeo e Gastaldello sono ancora ai box. Vallese è rientrato ma deve recuperare condizione e forse anche sicurezza. Cosa ti inventi sabato per il Crazy?

Dispiace per Valerio e probabilmente non recupereremo nessuno degli infortunati, ma ho la fortuna di avere ragazzi in rosa che daranno tutto per farsi trovare pronti.

Sabato prossimo ore 14.30 nuova sfida per consolidare la prima posizione, peraltro contro una squadra che fa della fisicità il suo punto di forza. Cosa ti aspetti? 

Un’altra partita difficile, come tutte le precedenti. Nessuna partita sarà facile, ma come sempre ci prepareremo per cercare di ottenere il massimo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp